* * *
*
Ingresso del sito *
*
* *
SempreVerdi.net ~ libri ~ voltaire ~ Candido ovvero L'ottimismo ~ PARTE PRIMA ~ Capitolo 21 *
*
* * *
*
left Pagina Precedente   Pagina Successiva right * up Indice  up Autore  down Paginona  down Note Legali 


Capitolo 21

Candido e Martino si avvicinano alle coste di Francia e ragionano.


Si scorsero infine le coste di Francia. - Siete mai stato in Francia, signor Martino? dice Candido. - Sì, risponde Martino, io ne ho trascorso più provincie, ve ne sono alcune dove una metà degli abitanti sono pazzi, alcune dove son molto astuti, altre dove son assai minchioni, altre dove si fa il bello spirito; ed in tutte la principale occupazione è l'amore, la seconda il mormorare, e la terza il dir scempiaggini. - Signor Martino, avete voi veduto Parigi? - Sì, l'ho veduto: là vi sono tutte queste specie: e un caos, e, una calca dove ciascuno cerca il piacere, e dove quasi nessuno lo trova almen per quanto mi è parso: io vi ho dimorato poco, e vi fui derubato di tutto ciò che avevo al mio arrivo da' ladri della fiera di San Germano: indi io stesso fui preso per un ladro, e stetti otto giorni in prigione, dopo di che mi feci correttore di stamperia, Per guadagnare tanto da ritornare a piedi in Olanda. Io vi ho conosciuto la canaglia degli scrittori, la canaglia de' cavillatori e la canaglia de' convulsionari; si dice che vi è della gente assai civile in quel paese: io voglio crederlo.

- Per me, io non ho niuna curiosità di veder la Francia, dice Candido; voi vi persuaderete facilmente, che quando sl è passato un mese nell'Eldorado non viene voglia di veder altro sulla terra, che la bella Cunegonda; io vado ad aspettarla a Venezia; noi traverseremo la Francia per passare in Italia, non mi accompagnerete voi? - Volentierissimo, risponde Martino; si dice che Venezia non è buona che per i nobili veneziani, ma che intanto si son ben ricevuti i forastieri, quand'essi però hanno molto danaro: io non ne ho punto, voi ne avete, ed io vi seguirò per tutto. - A proposito, dice Candido, pensate voi che la terra sia stata originariamente un mare, come si assicura in quel grosso libro appartenente al capitano del vascello? - Io non credo niente affatto a questo, risponde Martino, e neppure di tutti i sogni che si spacciano da qualche tempo. - Ma a qual fine questo mondo è stato dunque formato? ripiglia Candido. - Per farci arrabbiare, risponde Martino. - Credete voi, dice Candido, che gli uomini si siano sempre vicendevolmente straziati, come lo fanno al presente? ch'essi siano sempre stati bugiardi, furbi, perfidi, ingrati, assassini, pieni di debolezze, ladri, vili, invidiosi, ingordi, ubbriaconi, avari, ambiziosi, sanguinari, calunniatori, discoli, fanatici, ipocriti e pazzi? - Credete voi, dice Martino, che gli sparvieri abbian sempre mangiato degli uccelli quando ne han trovati? - Sì, senza dubbio, dice Candido.

Ebbene, soggiunge Martino, se gli sparvieri han sempre avuto il medesimo carattere, perchè volete voi che gli uomini abbian cambiato il loro? - Oh, dice Candido, vi è ben differenza perchè il libero arbitrio....

Così ragionando arrivarono a Bordeaux.

*
left Pagina Precedente   Pagina Successiva right * up Indice  up Autore  down Paginona  down Note Legali 



*
*